PiiQ Media, società di sicurezza informatica con sede nel Massachussetts, ha scoperto che dietro la vicenda che ha visto protagonista GameStop e l’impennata in borsa delle sue azioni non vi sarebbe solamente la mano umana ma anche l’azione di bot.

In particolare PiiQ Media avrebbe rilevato un’attività automatizzata che si è verificata sui social media allo scopo di promuovere non solo le azioni GameStop, ma anche altri titoli protagonisti dei meme di WallStreetBets. L’azione sarebbe stata coordinata sulle varie piattaforme social di Facebook, Twitter, Instagram e YouTube e con la partecipazione di “decine di migliaia” di bot. PiiQ Media ha affermato di aver individuato “modelli di comportamento artificiale” nei post relativi a GameStop nel periodo antecedente il 28 gennaio, quando si sono verificati i movimenti di mercato più significativi del titolo GME, come abbiamo raccontato nella notizia Il caso GameStop: internet ha sfidato Wall Street. Ecco punto per punto cosa è successo.

Caso GameStop: i bot hanno manipolato i post sui social

L’analisi di PiiQ Media non ha preso in considerazione Reddit, la piattaforma da dove è nato tutto il caso ad opera del gruppo WallStreetBets. Nell’audizione che si è tenuta lo scorso 18 febbraio presso la House of Financial Services il CEO di Reddit Steve Huffman ha però dichiarato che la piattaforma non aveva individuato alcuna attività significativa ad opera di bot o di mani estere.

L’audizione del 18 febbraio ha visto coinvolto anche Keith Gill, colui che è stato ritenuto il leader del movimento WallStreetBets (e conosciuto con i nickname di RoaringKitty e DeepFuckingValue a seconda delle piattaforme su cui opera), è comparso anch’egli dinnanzi alla House of Financial Services. Gill si è preso gioco degli interlocutori rilasciando alcune dichiarazioni sfrontate come “Alcune cose che non sono: non sono un gatto, non sono un investitore istituzionale e non sono nemmeno un fondo hedge” e “Mi piaceva il titolo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here